29 luglio 2016

Ba(po)li

   Imbecilli impediti ne abbiamo??

No, non è un refuso.
Io vivo a Ba(po)li, che è una fusione della paradisiaca (nella mia fantasia) Bali e della bellissima ma notoriamente trafficatissima e incasinatissima Napoli.
Si, perchè contrariamente a quanto si possa pensare, qui c'è una quantità di macchine e soprattutto motorini che non ti aspetti di trovare.
Ad aggravare una situazione giá di per se abbastanza complicata data da strade non all'altezza e guida al contrario per me, ci si mettono gli indonesiani senza educazione stradale e i turisti impediti.
Ragazzi, io vengo da Roma, ho guidato il motorino per vent anni nei vicoli stretti di Trastevere, in mezzo al traffico della via Boccea e sull'Aurelia per andare al mare, non mi faccio intimorire da sti quattro criminali su due ruote, di solito.

E invece, mortacciloro sono dei pazzi scatenati. Superano le macchine a destra, a sinistra, sopra e pure sotto, se j'avanza, suonano il clacson ogni 15 cm, che manco dopo lo scudetto della Roma per le vie del centro, le precedenze sono una chimera e gli incroci un terno al lotto.
Personalmente me la cavo, dopo i primi due giorni di esitazioni e viaggi a 20 all'ora per prendere confidenza col lato opposto della strada, ormai sono una di loro. Mi muovo in scioltezza, col motorino carico come un somarello, tra bimbi, zaini di scuola e magari pure le buste della spesa.
Furio se non fosse per il colore della pelle tra il chiaro di luna e l'omino bianco additivo sbiancante, potrebbe benissimo essere scambiato per indonesiano. Se ne va in giro, tra il laboratorio e il ristorante, carico di cassette di pinsa e di farina, che manco il garzone del fornaio.

Capitolo a parte va riservato agli ospiti in visita.
Circa una settimana fa sono arrivati i miei (evvai, gioia a manetta) e ieri abbiamo preso un motorino in più per mio padre, più che altro per renderli autonomi e non legati ai nostri orari e impegni, dopotutto sono in vacanza, no?
Ora, mio padre, che non è proprio un vecchio decrepito, ma manco un ragazzino, non ha mai guidato un motorino nemmeno in Italia e la guida a sinistra è una novità assoluta per lui.
Gli ho consigliato di prendere un po' di confidenza col mezzo girando all'interno del complesso dove viviamo ora, per evitare di sbatterlo in strada completamente a digiuno di guida su due ruote.

Nel pomeriggio con mia madre, ce lo siamo portato al traino per le vie della zona. Cioè, io guidavo a circa 20/30 all'ora sul ciglio della strada e lui mi seguiva. Dopo 2 km stavamo ridendo con le lacrime perchè facevo notare a mia madre che non gli sarebbero bastati 3 mesi di fisioterapia per riprendersi da tutta quella tensione: guidava infatti con le braccia rigidissime, i gomiti ad altezza spalle, e con la testa quasi completamente insaccata nelle suddette, tanto che il collo no si vedeva quasi più.
Ne è venuto fuori un pomeriggio di risate ai danni di mio padre (ignaro di tutto e permalosissimo per giunta), che alla sera per tornare a casa è stato scortato da Furio che mi ha poi detto di aver impiegato quasi 40 minuti per fare un tratto che noi di solito copriamo in 15.

Altra storia invece quando si parla di macchine. Qui hanno il vizio di fare a gara a chi ce l'ha più grosso, quindi vedi tutte queste macchinone giganti, guidate da gnomi da giardino, che non sanno fare una manovra decente manco a spinta. Il risultato scontato è quello che vedete in foto: strade strette, guida improvvisata, deragliamento in risaia assicurato.
Le poche volte che ho "dovuto" portare la macchina qui ho sofferto, visto il traffico che c'è e il casino che sono abituati a fare i poliziotti per dirigere il traffico nonostante i semafori funzionanti.
Poliziotti che ti fermano solo perchè sei bianco e potresti essere un fuorilegge senza patente.
Con me son sempre caduti male, giro regolare con casco, documenti e patente internazionale.
Niente mancia per te, sorry.

Quindi ricordate, se doveste mai venire a Bali, in provincia di Napoli, procuratevi una patente, una mascherina e un bell'antiacido per combattere coi centauri locali.
V.


15 luglio 2016

Facciamo i grandi


Immagine dal web

Ragazzi, qui si comincia a fare sul serio. Stamattina siamo andati alla giornata di orientamento alla scuola del grande che lunedì comincerà la prima. Lo scorso anno le insegnanti hanno preferito lasciarlo in una classe preparatoria per via della lingua (che non comprendeva,  scritta né parlata) e a posteriori credo sia stata la scelta migliore che potessimo fare.
Dicevo, oggi orientamento. È una scuola internazionale, molto rigida (pare), superorganizzata e impostata per portare i ragazzi fino al diploma con una preparazione, si spera, degna di Cambridge.
Nano1, nella sua bella divisa nuova nuova (rigorosamente ciancicata che lèvate), scarpe fiammanti e capello fresco di barbiere, si trascinava dal letto, alla sedia, al divano con una flemma imbarazzante. COMINCIAMO BENE!!! Siamo usciti come al solito con un ritardo non recuperabile (ma oggi non contava), e sul motorino cercavo di sondare il suo stato d'animo:
"Allora, sei emozionato per questa nuova avventura? La scuola dei grandi, ora si comincia a studiare sul serio. Sei eccitato?"
"No mamma, sono normale"
E con questo da Maiunagioaville è tutto. A voi studio.
V.

8 luglio 2016

Parole parole parole



Quando si dice che il karma non perdona, si dice una veritá assoluta.
Si, perché l'universo ha pensato bene che non fosse sufficiente per me un figlio logorroico, per cui... me ne ha dati due.
È la dura legge del west, baby, dice mia madre. Si, perchè in effetti non è proprio un caso se i miei figli sono entrambi chiacchieroni (per usare un delicato eufemismo). Sia io che il buon Furio non ci facciamo parlare dietro in quanto a lingua.
Sono affetta da quella che viene comunemente definita parlantina a macchinetta. Parlo a velocitá supersoniche da sempre a quanto pare. Mia madre mi racconta di quando ero una tenera cucciolotta dalle guanciotte paffute e non stavo zitta un attimo. Capacitá evidentemente trasmessa nei geni, che mischiati a quelli di un marito altrettanto assillante, hanno dato vita a due mostri dalla chiacchiera facile.
Il piccolo a tre anni è nella fase della ripetizione spinta di qualsiasi frase, solitamente di senso compiutissimo, detta un secondo dopo essersi svegliato, urlata nelle tue orecchie ancora addormentate. Vedere Enza, vedere Enza, vedere Enza è diventata la richiesta ultimamente più gettonata. Si riferisce al voler vedere Frozen, della cui regina (Enza appunto) è un accanitissimo fan. Ne copia movenze e parole sia in inglese che in italiano, dando vita a siparietti esilaranti.
Il grande di sette anni invece, la fase ripetizione ossessiva dovrebbe averla superata, ma tant'è, al karma non si sfugge, per cui alla 100 domanda (sempre uguale), l'unico modo per disinnescarlo è assecondarlo, altrimenti ti asfalta le orecchie di chiacchiere. Ho recentemente scoperto che non solo ammorb chiacchiera cosí in italiano, ma lo fa anche in inglese con la babysitter indonesiana che capisce si e no 3 parole. Quella, poverina, gli dice sempre di si perchè è carina e gentile, ma ha imparato la parola chiave per calmarlo un minimo: BASTA.... e lo dice pure col tono giusto, per dire.
Dal canto mio io ho dovuto un po' rivedere i miei standard, dal momento che non padroneggio l'inglese con la stessa velocitá e soprattutto mi ritrovo a parlare quasi tutto il giorno con indonesiani che tanto non mi capiscono comunque, per cui va da se che me la prendo comoda, almeno nel parlare.
V.

PS sto imparando causa forza maggiore l'indonesiano, tanto è l'unico modo per comunicare in maniera decente col mio staff. Faccio lenti progressi, ma ne faccio. Non vi dico l'intruglio che fa Furio quando cerca di parlare per farsi capire, lui che fa a botte col cat is on the table. Addio!!!

4 giugno 2016

Un anno e siamo qui

Jati Luwih ricefield
      
                                                               
È passato un anno dalla nostra partenza verso una vita nuova.
Dopo aver provato a giocarmi a dadi il fegato con l'alcool, ed essere riuscita ad estirpare solo gli ultimi neuroni un po' acciaccati che avevo, sono partita lo stesso.
Un anno di cambiamenti enormi con questa vita a testa in giù che ci stiamo costruendo.
Un anno fa avevo in testa tutta questa idea di noi che passiamo le giornate a bordo piscina o in riva al mare, su spiagge incontaminate, proprio come ti aspetti che sia viviere sull'isola degli dei.
GROSSO ERRORE, PIRLONA CHE NON SEI ALTRO!!!!
Cioè, non fraintendetemi, non credo di voler tornare indietro a fare la vita che facevo prima, ma certo non é tutto palme, spiagge e cocktail.
Ero una mamma che lavorava in Italia, sono una mamma che lavora anche a Bali, con le dovute differenze.
Allora, con ordine:
Le lavatrici di panni da lavare sono lievitate all'inverosimile, visto che col caldo che fa ci cambiamo TUTTI 3 volte al giorno. La cosa positiva é che dopo 20 minuti che hai steso puoi raccogliere, piegare e riporre (ferro da stiro vaderetro). 
Il suddetto caldo è stato il mio sogno proibito per i passati 34 anni. Non dover affrontare l'inverno quest'anno é stata una goduria senza precedenti (d'altra parte non mi chiamo Stark, io). In infradito e canotta la vigilia di Natale chevvelodicoaffa.
Gli orari sono da sempre l'incubo di ogni genitore con figli in età scolare. Quando poi sai che per portarli devi uscire almeno 30 minuti prima altrimenti rimani imbottigliata anche col motorino, gli orari diventano imperativi. Solo che, il tragitto comprende vedute fantastiche di risaie dal volto sempre diverso (in un anno che siamo qui, abbiamo visto 4 raccolti, unico al mondo). Allagate e appena seminate, verdi come smeraldo durante la crescita, gialle paglierino quando sono mature e marrone scuro dopo il raccolto. Una varietá incredibile di paesaggi proprio sotto il mio naso da espatriata sempre col pepe al culo, ansiosa di sbrigarmi a fare commissioni, ma estasiata e sopraffatta da tutto questo. 
Avere a che fare con una gamma di personaggi così ampia da riempirci un libro (minchia, prima o poi lo farò), cominciare a capire le dinamiche e rimanerne delusa e stupita, a seconda dei casi. In Italia, continuando a vivere la vita (tranquilla) che facevo, nel mio mondo fatto di quotidianitá, tutto questo lo avrei solo potuto immaginare, e comunque non sarebbe stato nemmeno lontanamente simile.
Qui posso permettermi di "confrontarmi" con culture dimetralmente opposte eppure simili. Come la cliente australiana, col figlio 12enne con la sindrome di tourette, con la quale mi ammazzo da ridere ogni volta parlando di famiglie, suocere e affini.
Ah, quasi dimenticavo, pensando di essere fuggita abbastanza lontana da non farmi rompere i coglioni da parentame non gradito, ho avuto la "meravigliosa" sopresa di avere suoceri e cognato vip con un figlio annesso per 2  (dico 2) mesi in casa mia sotto Natale. Ho rischiato più volte di commettere omicidio e di divorziare perché ovviamente per mio marito è stato normale vivere in 8 dentro la stessa casa, con gente che si lamentava dal primo raggio di sole alla buonanotte.
Va beh, dicevo, anche a Bali sono una mamma che lavora. Per i primi 6 mesi abbiamo avuto il supporto e la presenza preziosissima di mia madre, per cui i bimbi la maggior parte del tempo se li smazzava lei. Partiti i suoceri a gennaio, siamo rimasti io e Furio con le piccole bestie, ma da circa un mese ho quella che qui amano chiamare nanny, che altro non è che una baby sitter 6 ore al giorno. Ore durante le quali riesco a fare il milione di cose che ogni mamma ha da fare, compresa una doccia di ben 5 minuti. Io sto al ristorante, lei sta con loro fino alle 9/10 di sera e quando torno li trovo giá lavati, mangiati e dormiti. Santa subito!!
Con le scuole ormai abbiamo capito di andare nella giusta direzione con entrambi. Il grande parla un inglese fluente che manco a Cambridge e il piccolo è trilingue. Passa con naturalezza dall'italiano all'inglese con contaminazioni indonesiane e ovviamente non si capisce una mazza. Troppo divertente!
Le mamme a scuola sono esattamente come in Italia. Il gruppetto di quelle (che si credono) fighe, che ti snobbano perchè sei "diversa", sempre in infradito, shorts e capelli mezzi rasati, lontana dai loro standard e per di piú BIANCA. Si, perchè qui hanno una vera e propria ossessione per la nostra carnagione. Noi che ci danniamo per acquistare un po' di abbronzatura e loro che schiariscono lo schiaribile con creme apposite e coprendosi all'inverosimile anche con 45 gradi.
Dicevo, ste mamme stron*e che fanno capannello e parlano in indonesiano quindi te, oltre che non essere annessa, manco capisci se te stanno e prende per il culo. Per risposta ho cominciato a perculeggiarle apertamente con l'unica altra mamma italiana della scuola, con la quale siamo diventate amiche, anche perchè i nostri nani sono fidanzati. Si, il mio grande ha trovato l'ammmmore!

Comunque gli indonesiani sono davvero gente curiosa. Ho visto cose che voi umani: ho visto ragazzette andare in giro con calzini ed infradito, guanti di lana e giacca a vento sul motorino sotto ad un sole cocente; ho visto altre ragazzette (ma forse pure le stesse) fare il bagno in mare completamente vestite, al tramonto, e non per pudicizia o questioni religiose, ma semplicemente perchè "sennò divento troppo scura"; le ho viste farsi selfie a palate, e postare le suddette chilate di foto tutte uguali su ogni social network esistente. Insomma, questi con l'estetica stanno in fissa pesante, peccato che il 90% della popolazione locale sia vagamente un cesso (parere personale, ovviamente).
D'altra parte, se cerchi qualcosa d'interessante da guardare, meglio se butti l'occhio su qualche tartaruga australiana, magari alta 2 metri coi capelli biondi e gli occhi azzurri. Sicuramente un clichè ma ammazza se i clichè so veri!!! Naturalmente vale anche per le ragazze tutte cavallone, che per me che sono una nana non è proprio un toccasana per l'autostima, ma tant'è, io punto sulla personalitá.
Ho trovato poche persone ancora, con le quali pensare di instaurare magari amicizie da espatriati, ma non è cosí scontato avvicinarsi a qualcuno in un contesto cosí.
Mi mancano tanto, forse troppo, gli amici veri che ho lasciato a malincuore, ma so che comunque ci sono e ci saranno sempre, oltre le distanze, anche se non ci si sente tutti i giorni ma una volta a settimana, a volte anche ogni due, sempre di corsa, ma anche solo per dire "ciao, come stai, mi manchi, ti voglio bene, ci sentiamo con calma." Ogni volta che ci penso mi scappa una lacrima.

A distanza di un anno posso dire che Bali non è il paradiso che si immagina, ma è un bel posto comunque per crescere i figli e vivere magari una vita un pizzico più rilassata, con posti bellissimi da esplorare a portata di mano, e a poche ore di volo da paesi altrettanto belli. 
Adesso come adesso non ho voglia di tornare, magari solo un salto per abbracciare tutti lo farei.
Abbiamo definitivamente deciso di restare in pianta stabile, col ristorante avviato e i bimbi a scuola, ci stiamo ritagliando il nostro angolo.
Già so che qualcuno che fa parte della mia vita verrà a trovarmi da qui a settembre e forse sentirò un po' meno la mancanza.
Per ora vivo qui, imparo e cresco coi miei figli.
Se passate in zona battete un colpo che una pinsa ve la offro volentieri!
Ci sentiamo presto...
V.

Photo credit: sono le mie

11 luglio 2015

Cronache dall'isola



Ci sono. Ho cominciato un nuovo capitolo della mia vita e solo ora, dopo oltre un mese, comincio a capirci qualcosa.
Ormai é ufficiale, vivo a Bali. Devo dire che fino alla sera prima della partenza ho avuto il timore che succedesse qualcosa per cui tutto dovesse finire, tipo che so, un meteorite!
Invece tutto è andato più o meno bene. Certo, 24 ore di viaggio hanno fatto il loro gioco. Due nani, una mamma, una nonna e 3 (dico 3) aerei da prendere, con extra condimento di scali internazionali interminabili. Ricetta perfetta per una disfatta!! 
Invece il grande si é comportato da vero globe-trotter. Seduto composto sul suo sedile, ha visto cartoni a profusione, giocato un po' con i kit per bimbi distribuiti sui voli, dormito e mangiato con appetito tutto quello che gli é stato propinato.
Per il piccolo Fiodena, invece ci sarebbe da scrivere un post a parte. Due anni sono due anni, ragazzi, non si scappa!
La prima tratta (6 ore circa), il relax e la tranquillità sono state praticamente delle chimere. Elettrico, irrequieto, curioso e rompiballe all'ennesima potenza. Lo scalo di quasi 7 ore ad Abu Dhabi ha fatto il resto. É crollato sul passeggino di cortesia circa 20 minuti prima dell'imbarco. Comodo no? Io con uno zaino in collo grosso quanto me, un trolley per mano e il grande che mi aiutava per la discesa. Mia madre con il piccolo in braccio e uno zaino altrettanto grande sulle spalle. Ve lo devo dire che a livello logistico ci siamo ammazzate di fatica? Per fortuna il volo lungo è stato notturno, per cui almeno i nani si sono fatti un bel sonno rigenerante..... loro, perché noi alla fine sembravamo due stracci usati, non abbiamo chiuso occhio. L'ultimo volo di 3 ore é stata una passeggiata di salute rispetto al resto. 
Alla fine ce la siamo cavata con un bagaglio di stanchezza e tensione sciolta nel momento in cui siamo usciti dall'aeroporto, dove il buon Furio ci stava aspettando, emozionato e trepidante (erano 20 giorni che non ci vedevamo).
Piccola nota a margine perché so che voi potete capirmi: mi sono venute a Fiumicino quando eravamo giá al terminal pronti per imbarcarci.... e ho detto tutto!
Insomma, vivo il sogno che tanti tengono chiuso in un cassetto, nell'isola che almeno una volta nella vita vale la pena visitare.
I colori, i profumi, il cibo, gli usi e i costumi, la grande, profonda e radicata cultura balinese si stanno insinuando piano piano nella mia vita e io non posso che esserne contenta. Ho scelto di vivere qui, di far crescere qui i miei figli e di garantirgli, almeno per quello che posso, la qualità di vita che penso meritino.
Uscire al mattino in motorino e ritrovarsi ad attraversare risaie sterminate per portare a scuola i nani, riempirsi gli occhi e l'anima con i paesaggi che ti scorrono davanti. Incontrare e parlare con persone di tante nazionalità diverse, che a modo loro ti danno qualcosa che ti fa crescere e ti arricchisce. Creare qualcosa da zero, per se stessi, condividendo con le persone amate esperienze di vita uniche, non ha prezzo.

Vedere come nano1 provi a relazionarsi con altri bimbi o con le insegnanti, nonostante non capisca mezza parola di quello che dicono è commovente e incoraggiante allo stesso tempo. Sono sicurissima che nel giro di pochi mesi, dará una pista a tutti noi con l'inglese.
Sentire e poter contare sul supporto e l'aiuto prezioso di mia madre mi da la forza di pensare che ci sono tutti i presupposti per poter riuscire nel nostro progetto di vita in questo posto fantastico.
Posto fantastico pur con le sue contraddizioni tipo il traffico o la quantità mostruosa di motorini in circolazione. Ci sia abitua abbastanza alla svelta, comunque. Anche alla guida al contrario. I primi giorni rischiavo un frontale ogni 50 metri, ora mi muovo in scioltezza. I nani sono entusiasti delle scorrazzate in motorino, specialmente il Fiodena. Facciamo (e gli lascio fare) cose che a Roma non mi sarei mai lontanamente sognata. Li portiamo in giro coi loro bei caschi e loro vanno fuori di testa. 
Certo, non nego di sentire la mancanza forte degli amici fraterni, quelli con cui passi quasi tutto il tempo libero che le frenetiche settimane romane ti lasciano, ma confido nel loro affetto e bene incondizionato, quel bene che li spinge a pensare di fare un viaggio intercontinentale con le nane al seguito solo per poter stare con te, se tu non dovessi tornare a breve.
Insomma, per ora il bilancio è più che positivo, ma siamo solo all'inizio, chissà il futuro cosa ci porterà.
Stay tuned to discover it.
V.

Photo: so le mie!!